In Polonia la festa più importante delle festività natalizie è senz’altro il 24 dicembre la Vigilia di Natale. Il Natale in Polonia, è un momento di grandi emozioni e la Vigilia è per eccellenza la festa della famiglia.

È una festa molto sentita nella mia famiglia, mi risveglia molti bellissimi ricordi. Ricordi fatti di profumi di sapori  di gioie familiari e di passeggiate con lo slittino di legno nei boschi innevati. Oggi voglio raccontarvela cercando di trasmettervi un pò dell’intensità e della magia che si respira qui.

L’albero và preparato la mattina del 24 e viene decorato con mele dolcetti, cioccolatini, caramelle e decorazioni casalinghe, mi ricordo quando io e mia sorella eravamo bambine e non resistevamo a tanta golosa tentazione! Più che dai regali eravamo attratte dai cioccolatini appesi e la sera a prova di quanto detto rimanevano appese solo le carte (almeno sui rami più bassi)! 🙂

 

 

Secondo la tradizione polacca è bene  lasciare vuoto un posto in più a tavola, apparecchiato per un eventuale ospite che bussi alla porta perché nessuno, specialmente durante il Natale, deve restare da solo!

La Vigilia in Polonia ha anche il suo particolare menù che, nella vera e pura tradizione polacca, conta dodici pietanze  come il numero degli apostoli. I festeggiamenti e la cena vera e propria incominciano solo dopo l’apparizione in cielo della prima stella, quindi mi raccomando tutti con i nasi attaccati alla finestra!

Un’altra usanza tipica è quella di mettere una manciata di fieno sotto la tovaglia prima della cena in ricordo della nascita di Gesù.

Prima di cenare si dà il via allo scambio di auguri staccando un pezzetto di ostia che tiene in mano l’altra persona e poi lo si mangia, in segno di unione e condivisione.

 

 


fiocchi-di-neve

LE PRELIBATEZZE DEL MENU’ POLACCO PER LA VIGILIA

 

Si prepara la cena rigorosamente senza carne ma ugualmente ricca e variegata cominciando dal brodo rosso di barbabietole il barszcz czerwony con tortellini ripieni di funghi o di cavolo.

 

4

 

 

I pierogi sono un’altra pietanza molto comune ( sono delle specie di ravioli ) ripieni di puree di patate o di crauti con funghi secchi.

Immancabili le varie insalate di verdura come quella di cavolo rosso e l’insalata russa.

Per quanto riguarda le portate di pesce, ci sono tantissime ricette per preparare la Carpa, piatto di pesce tradizionale per il Natale polacco, e le aringhe. Per questi piatti i modi di preparazione sono davvero svariati ed in ogni zona e provincia esistono ricette tipiche del posto.

Una portata tradizionale sono anche le frittelle di patate le cosiddette placki ziemniaczane che sono molto popolari durante tutto l’anno ma in particolar modo durante la Vigilia. Una volta erano fritte in olio di lino fresco comprato dai contadini che gli conferiva un sapore molto particolare.

 

 

3

 

La ricetta è semplice :

Basta sbucciare e grattugiare qualche patata 3-4 circa o di più in base ovviamente alla quantità che si vuole ottenere, aggiungere qualche cucchiaio di farina , un uovo, sale pepe quanto basta e a chi piace la cipolla tritata. Metterle a cucchiaiate nell’olio di semi bollente (o olio di semi) spianarle con cucchiaio e friggerle da ambo i lati. Una volta dorate servirle calde da sole o con la salsa ai funghi , all’ aglio, dello spezzatino o panna acida.

 

 

Dopo la cena, si servono i dolci, il tè e il caffè. Il principale dolce natalizio è il piernik sotto forma di torta o di biscotti morbidi, il sapore di questa ricetta viene da un mix di spezie come cannella, zenzero, anice e chiodi di garofano che si chiama “przyprawa piernikowa“.

 

la vigilia di natale in polonia

 

Se decidete di preparare questo dolce in casa l’aroma di spezie vi accompagnerà per giorni!!!

Un consiglio: date da mangiare ai vostri animali domestici o agli animali della fattoria intorno a mezzanotte quando con un pò di fortuna, secondo la tradizione, li potrete sentire parlare come umani! Quindi orecchie tese… e ascoltate!!!

holidays-1804686_960_720