Una rotonda sul mare. Proprio così si presenta Gran Canaria, l’isola dell’Arcipelago delle Canarie dove il sole splende tutto l’anno con una temperatura che, anche durante l’inverno, non scende mai sotto i 19 gradi.

Dietro agli aspetti maggiormente noti di una destinazione che fa subito spontaneamente pensare al mare, Gran Canaria merita di essere svelata per il suo entroterra. Vegetazione lussureggiante subtropicale del Nord a un passo dal grande nulla roccioso e desertico Sud, un litorale preso d’assalto e un entroterra che si rivela un paradiso per gli amanti del trekking e del turismo rurale.

 

1

 

Quasi la metà di territorio e’ riserva nazionale nella quale si districano una fitta rete di sentieri trekking chiamati “Caminos reales”. Addentrandosi verso il centro dell’isola ci si proietta in un far west di montagne, grandi canyon e pareti rosse.

Percorrendo questa zona ci si imbatte in cittadine, villaggi suggestivi e fuori dal tempo. Appaiono casette colorate, inerpicate su vicoli acciottolati e circondate da palme, mentre all’orizzonte si stagliano montagne altissime, il tutto immerso in un silenzio inverosimile.

Fataga, Tejeda, La Vega di San Mateo (famosa per il suo formaggio), Santa Brigida, meritano sicuramente la visita! Si possono percorrere in macchina gli itinerari che collegano questi paesini ricchi di vita e carattere!

 

Itinerario per i paesini del centro

Itinerario per i paesini del Nord

Percorrendo le strade interne dell’isola non si potrà fare a meno di ammirare i maestosi pietroni caratteristici dell’isola El Fraile (Il Frate), una roccia così chiamata perché la sagoma ricorda quella di un frate. Insieme al Fraile, dominano gli altri monoliti di Gran Canaria, capolavori di pietra ben visibili dal Mirador (punto panoramico) di Pico de los Nieves, il Roque Bentayga (1404 metri), il Pozo de las Nieves (il più alto rilievo di Gran Canaria con i suoi 1949 metri) e il Roque Nublo, un enorme monolito di basalto che si erge per una settantina di metri come risultato delle attività vulcaniche. E’ questo il monumento naturale emblema degli abitanti, situato a 1813 metri sul livello del mare.

Into the Wild – La nostra nottata ai piedi del Roque Nublo!

 

Sullo sfondo, è sempre presente il Pico del Teide, vulcano simbolo della vicina Tenerife con i suoi 3718 e’ la montagna piu’ alta di Spagna nonche’ terzo vulcano piu’ alto del mondo.

La Cruz de Tejeda, un piccolo monumento in pietra verdastra che si trova nell’omonimo villaggio di 1000 abitanti circa, segna il punto più centrale dell’isola. E proprio qui da qui che partono e si incontrano la maggior parte degli itinerari di trekking dell’isola.   Il risultato di questo mix così particolare è un enorme puzzle di paesaggi che mutano e si differenziano notevolmente l’uno dall’altro.

Percorsi ed itinerari da non perdere

Per gli amanti della bicicletta Gran Canaria offre numerosi percorsi panoramici un’ampia scelta di salite ripide e una grande varietà di paesaggi diversi. Questa e’ un’isola con una vastissima scelta di itinerari per gli amanti del cicloturismo e del contatto diretto con la natura.

3

Per coloro che sono sempre alla ricerca di nuove sfide, Gran Canaria offre un gran numero di pareti che sembrano fatti su misura per gli appassionati della scalata. Una vasta scelta di opportunità e sfide che solo gli amanti dell’alpinismo possono capire.

Canyoning e’ un’altra di quelle attività da non perdersi, consiste nella discesa a piedi di corsi d’acqua che scorrono all’interno di strette gole scavate nella roccia. Gli ostacoli sono rappresentati principalmente dalle cascate, che vengono superate con l’ausilio di corde o, dove possibile, effettuando tuffi, scivolate e passaggi di arrampicata in discesa. Spesso alla base delle cascate sono presenti profondi laghetti. In tal caso, dopo la discesa su corda, con una breve nuotata si raggiunge la riva. Diversi sono i percorsi adattabili sia a principianti che ad esperti.

4

 


Infine da non tralasciare sono  le escursioni a cavallo attraverso i sentieri dei vulcani, scopri l’isola nella sua naturalezza rispettando il silenzio e l’armonia di questi posti magici cavalcando al di fuori dei percorsi turistici abituali su terreni scuri quasi neri ammirando paesaggi di rara bellezza.

 

Troverete anche escursioni con  le jeep, safari con i cammelli, percorsi eno/gastronomici e molto altro ma mi sono voluta soffermare sulle attività che a mio avviso più interessanti, quelle meno turistiche e un po’ più a contatto con la natura per godersi a pieno l’anima di questo posto meraviglioso!